Dicono di noi - Castagnaro Parking

Vai ai contenuti

Menu principale:

Presentazione

Plein Air ONLINE


Anche al più sprovveduto dei turisti non c’è bisogno di spiegare come si arriva a Napoli e a Pozzuoli: ma se si viaggia in camper è invece essenziale individuare prima di tutto la base di sosta, essendo la zona piuttosto carente. Noi ci siamo avvalsi con soddisfazione dell’area attrezzata Castagnaro Parking in località Quarto, nell’entroterra di Pozzuoli (Via vicinale del Castagnaro, n°1), ben nota a molti lettori di Plein Air, recintata e custodita, dispone di una novantina di posti su due livelli a prato in una zona tranquilla e silenziosa.
Dopo una giornata di gratificante ma faticoso turismo è l’approdo che ci vuole, gestito con una professionalità che rimette in pace col Mezzogiorno e i suoi contrasti forti.
La tariffa è di 15 euro al giorno a equipaggio, energia elettrica disponibile, e nei periodi di alta stagione è assolutamente necessaria la prenotazione. I titolari, offrono agli ospiti dèpliant, cartine, cortesia e disponibilità nonchè un nutrito programma di escursioni organizzate nei dintorni, a Napoli ma anche verso località più lontane come la Costiera Amalfitana e Caserta.
Sul posto si arriva dalla A1 imboccando la tangenziale di Napoli e seguendola fino all’uscita 12 Pozzuoli Via Campana, da cui si prosegue in direzione Quarto; se invece si proviene dalla statale costiera SS. 7 quater, che scende dal Lazio per Gaeta, Mondragone e Castelvolturno, si deve uscire a Quarto.
Da qui,volendo esplorare i dintorni per conto proprio, non è difficile spostarsi con la metropolitana (che si prende a Pozzuoli, a una fermata di treno - 4 mn) o la ferrovia Circumflegrea, la cui stazione di Quarto Officina dista circa 500 metri dall’area di sosta.
A Napoli l’arrivo del treno è alla fermata Montesanto, comodissima perchè a pochi passi dalla centrale via Toledo.







Plei Air N° 369

Quel parcheggio, che gioia!

Da tempo desideravo visitare Napoli, se non che  sia i mass media che i soliti luoghi comuni finivano con il farmi desistere. Questa volta, leggendo il numero di novembre della rivista, ho notato la pubblicità del Castagnaro Parking di Pozzuoli che – contattato telefonicamente – mi inviava subito il completo dettaglio del programma delle attività invernali.

Normalmente  io mi muovo da solo, ritenendo che forse i miei interessi potrebbero non coincidere con quelli di altro equipaggio, cosa che potrebbe dar adito a situazioni sgradevoli e, perché no, anche degeneranti (per non dire di certi assembramenti che si formano in occasione di incontri e raduni). Con queste premesse mi sono diretto verso la città del Vesuvio: con una gioia contagiosa sto scrivendo queste righe al mio rientro.

Il  Castagnaro Parking ha dimostrato di essere una gradita realtà a vantaggio dei camperisti. L’attenzione per gli ospiti dal momento in cui si varcano i cancelli, l’efficienza, la scelta di qualificati collaboratori esterni (guide turistiche e autisti) hanno fatto piacevolmente trascorrere le giornate. E poi questa città con i suoi panorami, i monumenti, le chiese, l’approccio con i napoletani così solari, disponibili, aperti: insomma sono un genovese “felice di avere speso dei soldi” (anche perché quello che ho avuto in cambio è tantissimo e senza prezzo). Quindi, al di la degli entusiasmi, concludendo queste righe vorrei fare alcune considerazioni di carattere generale.

Primo: la titolare del Castagnaro, accogliendo camperisti, produce ricchezza anche all’indotto. Secondo ha messo in essere un’attività che risulta di gran supporto ai camperisti stessi e non li dissangua certamente, mentre spesso altrove ci trattano malamente (Liguria in testa). Terzo: fa opera meritoria nei confronti di Napoli e dei napoletani perché è pur vero che, grazie a tanti tour operator, la foto del Vesuvio si trova in tante case europee, d’oltreoceano ed asiatiche, ma in questo caso l’accoglienza è rivolta soprattutto a noi italiani che, in questi tempi di campanilismo esasperato, se non avessimo la possibilità di toccare con mano certe realtà, continueremmo forse a screditare il bel Meridione d’Italia.

Livio Cresti - Sestri Levante (GE)


Le iniziative del Castagnaro Parking sono ormai note ai lettori, ma bisogna dire soprattutto che l’operatrice campana è uno dei pochissimi gestori di aree attrezzate (si contano davvero sulle dita di una mano) che abbia saputo organizzare un servizio di accoglienza turistica a tutto tondo, offrendo ai suoi ospiti non solo un parcheggio, ma un’occasione per vivere appieno la natura dei luoghi. L’effetto? Ben lo descrive, in due parole, il lettore genovese: gioia contagiosa

Torna ai contenuti | Torna al menu